programma programma pdf calendario
aprile
L M M G V S D
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
maggio
L M M G V S D
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
giugno
L M M G V S D
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
luglio
L M M G V S D
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
facebook  
newsletter

totem mostre tavolerotonde mostre incontri mostre mostre

Il Progetto “Biennale Internazionale del Design”

 

download invito

Il design è un motore di innovazione, una strategia per crescere, uno strumento strategico per connettere la dimensione sociale, economica e culturale dello sviluppo affinché sia realmente sostenibile.

L’Italia è internazionalmente riconosciuta come il “paese del design”, della “progettualità diffusa”. Il modello socio-economico del “Made in Italy” è stato studiato in tutto il mondo per le sue dinamiche innovative e propulsive che hanno dato fama internazionale ai nostri designer e alle nostre imprese. Eppure in Italia il sistema della formazione pubblica nel campo del design è molto recente, anche se in rapida crescita su tutto il territorio nazionale, e il sistema pubblico di promozione e supporto al design è molto debole, quasi assente, rispetto a quello di altri paesi europei ed extra-comunitari.

Da questa riflessione è nata l’esigenza di concepire una manifestazione internazionale che possa promuovere e supportare il design come fattore strategico per l’economia italiana e locale e per la competitività internazionale dei nostri giovani talenti e delle nostre imprese, soprattutto in una realtà italiana caratterizzata da tanti “territori operosi e creativi” e da una dimensione sistemica del “design diffuso” e delle differenti “culture d’impresa” radicate nelle regioni italiane.

Così nasce il progetto “Biennale Internazionale del Design”, un complesso di eventi culturali (mostre, workshop, conferenze, dibattiti, “porte aperte” nelle aziende, ecc.) articolati e coordinati intorno ad un tema nodale della contemporaneità, di riflessione per la cultura del progetto e per la cultura imprenditoriale. Il progetto si è basato su un approfondito studio preliminare condotto e realizzato nell’anno 2007 da un gruppo di lavoro costituito da rappresentanti del CUP -Consorzio Universitario Piceno- e di ricercatori del Dipartimento ProCam -Progettazione e Costruzione dell’Ambiente-, della Facoltà di Architettura dell’Università di Camerino, che ha avuto l’obiettivo di individuare le potenzialità e i benefici culturali ed socio-economici che una Biennale del Design potrebbe apportare al territorio marchigiano.

La Biennale Internazionale del Design, inoltre, come si è verificato in altri paesi europei che hanno adottato questo modello, è una manifestazione che ha una dimensione territoriale e diffusa, (pur facendo capo ad una città come polo principale, solitamente una cittadina piccola e accogliente, non frenetica, votata ad attività culturali, ricca di storia e tradizione e/o significativa dal punto di vista industriale), che produce, oltre all’impatto diretto in termini di aumento dei posti di lavoro nell’area della cultura e dei servizi, un forte impatto in termini di investimenti e di sviluppo nel settore del turismo culturale, incrementando la cultura dell’ospitalità e il numero dei luoghi di ricettività nella città e nel territorio circostante.

Il progetto “Biennale Internazionale del Design”, pertanto, non vuole essere l’organizzazione di un evento culturale “una tantum”, ma la creazione di un “incubatore permanente di idee e progetti a sostegno dell’innovazione guidata dal design” che si propone di lavorare con continuità allo sviluppo di un programma di promozione e confronto della cultura del design, con particolare attenzione alla valorizzazione della dimensione locale e alla costruzione di un network di relazioni nazionali e internazionali.

varie

Il progetto “BID - Biennale Internazionale del Design”

La BID - Biennale Internazionale del Design - nasce come un complesso di eventi dedicati al design (mostre, workshop, conferenze, dibattiti, ecc.), ed è concepita come laboratorio permanente di riflessione e approfondimento sui temi della contemporaneità, come luogo aperto alla sperimentazione e all’innovazione progettuale, come polo propulsore per la creazione di un network di relazioni tra attori locali e soggetti internazionali.


Che cosa è la Biennale Internazionale del Design?

- un’iniziativa culturale che nasce come motore di sviluppo socio-economico locale e come strumento di supporto per l’internazionalizzazione della cultura imprenditoriale e delle risorse del design italiane.
- una manifestazione articolata di eventi dedicati al design (mostre, conferenze, concorsi, workshop, seminari, porte aperte nelle aziende, ecc.) che si tiene ogni due anni;
- un’occasione di dibattito, confronto, riflessione su temi prioritari ed emergenti nella cultura del design contemporaneo;
- un incontro tra tutti gli operatori del design locali, nazionali ed internazionali (designer, aziende, distributori, giornalisti, critici, ecc.) e il grande pubblico;
- una vetrina per far conoscere e promuovere i giovani designer dotati di talento e le imprese più innovative;
- un osservatorio sulla sperimentazione e l’innovazione progettuale nei diversi ambiti del design;
- un framework per valorizzare e connettere le risorse creative locali con il sistema nazionale ed internazionale del design;
- un momento di confronto e collaborazione con la rete delle scuole italiane ed internazionali di design, pubbliche e private.

 

Perché la Biennale Internazionale del Design?

La BID - Biennale Internazionale del Design - è una manifestazione che vuole coinvolgere molteplici attori in un confronto aperto e costruttivo sul “design come motore d’innovazione” di fronte alle sfide della globalizzazione, nella consapevolezza che per affrontarle con successo è necessario creare sempre nuove occasioni di dialogo tra mondo della formazione e della ricerca, mondo imprenditoriale ed mondo istituzionale, al fine di lavorare sinergicamente su obiettivi condivisi e sostenibili di sviluppo.

La realizzazione di una manifestazione di questo genere rappresenta, oggi più che mai, uno strumento culturale e socio-economico strategico, un’occasione importante per avviare iniziative innovative nell’ambito del design, che siano di valorizzazione del territorio e dei sistemi produttivi locali, ma di respiro internazionale.

 

Perché la Biennale Internazionale del Design nelle Marche?

La regione delle Marche è caratterizzata dalla presenza storica di distretti industriali e di aree ad alta specializzazione produttiva, diffuse sul territorio, costituiti per lo più da PMI che in una dinamica di “cooperazione competitiva” hanno favorito lo sviluppo e l’innovazione di interi comparti produttivi e l’emergere di alcune imprese leader a livello nazionale e internazionale. Questa cultura imprenditoriale diffusa ha profondi legami con la presenza e lo sviluppo nelle Marche di numerose imprese “design-oriented”, ovvero aziende che in modo esplicito, o anche implicito, considerano il design un valore e uno strumento di innovazione.

Il territorio ha la potenzialità di diventare una rete di poli organizzati come una vera e propria “comunità creativa”, dove Ascoli Piceno, luogo in cui ha sede l’unica scuola pubblica di disegno industriale di livello universitario della regione Marche, diventa il polo propulsore, il terminale di una rete di relazioni, luoghi, persone che producono, si scambiano e condividono know how sul design.


Verso la Biennale Internazionale del Design

Nel 2009 è stato avviato un percorso di preparazione alla prima edizione della BID denominato “verso la Biennale Internazionale del Design”, costituito da mostre, convegni ed incontri, con l’obiettivo di approfondire le diverse dimensioni del design come fattore strategico di innovazione e come componente significativa di uno sviluppo socio-economico e imprenditoriale.

Tra le principali iniziative, la Mostra “Eco-design & Eco-innovazione. Progetti e prodotti per un futuro sostenibile”, svolta dal 14 febbraio al 1 marzo 2009, nelle sale espositive del Palazzo dei Capitani di Ascoli Piceno; il Convegno “Eco-Design & Eco-Innovazione. Percorsi per uno sviluppo competitivo e sostenibile” tenuto il 14 febbraio nella Sala della Ragione, Palazzo dei Capitani di Ascoli Piceno; la manifestazione “Aperitivi con il Design 2009” (programma di incontri e conversazioni su e con i protagonisti del design contemporaneo), prima edizione, svolta dall’8 al 29 maggio 2009 nello Showroom Eusebi Arredamenti di Porto D’Ascoli.

composizione